• CAPRANICA_SanGiovanni000
  • CAPRANICA_SanGiovanni001
  • CAPRANICA_SanGiovanni002
  • CAPRANICA_SanGiovanni003
  • CAPRANICA_SanGiovanni004
  • CAPRANICA_SanGiovanni005
  • CAPRANICA_SanGiovanni006
  • CAPRANICA_SanGiovanni007
  • CAPRANICA_SanGiovanni008

Luogo Categoria: Arte e Cultura, Chiese e Luoghi di Culto e Itinerario_CapranicaFrancigenaLuogo Tag: Audioguida, Capranica, LIS e Romanico

  •  

    VIDEOGUIDA LIS

    L’attuale chiesa di San Giovanni è stata ricostruita tra il 1801 e il 1842 dopo la demolizione della precedente del XIII secolo che aveva come ingresso il portale che si ammira attualmente all’entrata dell’Albergo Capranica ( già Ospedale san Sebastiano) in piazza San Francesco.

    Nel 1464 nell’antica san Giovanni si radunarono i capi e il popolo che si erano ribellati agli Anguillara. Qui furono stilati gli statuti del libero Comune di Capranica e vi fu benedetta la bandiera della “Republica Capranicensis” con l’effige del santo Patrono san Terenziano.

    Nel rifare la nuova chiesa fu salvato l’antico campanile romanico (sec. XII) dove risiede ancora una campana di 3000 libbre posta sulla torre nel 1466 in ricordo della riconquistata libertà dal dominio degli Anguillara.

    La facciata è restata rustica per mancanza di fondi. L’interno della chiesa è ad unica navata terminante in un abside abbellita dal coro ligneo per i canonici. Quattro le cappelle laterali: a sinistra la cappella del Sacro Cuore e quella dell’Adorazione dei Magi. Segue il battistero con la vasca battesimale appartenente alla chiesa precedente, datata 1586. A destra la cappella della “Madonna che ha aperto gli occhi” (prodigio avvenuto il 18 luglio 1786), con tela del Maratta e angeli in stucco attribuiti ad uno studio del Canova; segue la cappella del SS. Crocifisso, con statua lignea del sec. XV, macchina con colonne di legno dorato e alle pareti decorazioni di Domenico Fontana (1889-90).

    Il grande quadro dell’altare maggiore raffigura san Giovanni Evangelista, opera del pittore romano Filippo Pozzi. Nella controfaccia è collocata la cantoria con il prezioso organo Morettini datato 1839.

    Nella parete sinistra della Cappella della “Madonna che ha aperto gli occhi”, è murato uno splendido tabernacolo quattrocentesco di marmo per la conservazione degli Oli Santi, appartenente alla precedente chiesa dove era adibito alla funzione di tabernacolo sacramentale.

    Aggiungi ai Preferiti 0

    This post is also available in: Inglese

  •  

    Nessuna voce trovata

    Spiacenti, non abbiamo trovato alcuna voce. Modifica i criteri di ricerca e riprova.

    Mappa Google non caricata

    Spiacente, impossibile caricare le API delle mappe Google.

  • Recensioni
  • Indirizzo
     Via degli Anguillara
    Capranica